masseria don vincenzo

Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo, azienda agricola biologica con metodo biodinamico, vegana, è situata in Abruzzo, nella Riserva Naturale di Punta Aderci. I BIO Zimarino, oli extravergine di oliva Biodinamici, BIO e Vegani, Grand Cru ed ultra-premium Colline Teatine DOP, sono oli di Alta Qualita, Made in Italy. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agricoltura Biodinamica, Rudolf Steiner e Tenuta Zimarino

I terreni della nostra azienda agricola a coltivazione biologica, con metodo biodinamico,

 

si trovano in un piccolo paradiso incontaminato facenti parte di una zona protetta incolta, rappresentata da macchia mediterranea e boschi, riconosciuto come Sito di importanza comunitaria (Sic) della provincia di Chieti, con un valore paesaggistico e culturale elevato.

Riserva Naturale di Punta Aderci, (SIC) Sito di Importanza Comunitaria e

Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo

Estensione: 11 ettari in un unico corpo
Terreno: Nero compatto
Altitudine: 26 metri s.l.m.
Esposizione: Est - Sud-Est
Indirizzo produttivo:

La superficie della Tenuta Zimarino  è ripartita:

  • in Oliveto Masseria Don Vincenzo, con alberi secolari dai quali si produce un Olio Extra Vergine di Oliva di alta qualità, Biodinamico, Biologico, Vegano;
  • in bosco misto di piante secolari di querce, cerri, olmi;
  • macchia mediterranea
Metodo coltivazione:                                    

Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo è azienda  certificata biodinamica biologica. Tutte le fasi della produzione biologica sono controllate da Organismo di Controllo

mentre i controlli per la certificazione biodinamica sono effettuati da , unico certificatore internazionale della agricoltura e dei prodotti biodinamici.
 

La agricoltura biodinamica nasce ben prima della agricoltura biologica, che in sostanza ne è una semplificazione.

Il suo ideatore è il famoso Rudolf Steiner, che, sollecitato da un gruppo di alcuni grossi produttori agricoli, preoccupati per la perdita di sapore e di qualità dei propri raccolti, nel lontano 1924 tiene otto conferenze denominate corso di agricoltura, nelle quali illustra dei concetti e dei metodi per risolvere i problemi della agricoltura

Nella agricoltura biodinamica è lo uomo il fulcro principale di tutto che, grazie alla sua capacità anche spirituale, coordina le varie forze per la realizzazione della sua azienda agricola. 

Scopo finale è quello di rendere la azienda agricola che lo pratica un organismo sano e capace di autoregolarsi, ottenendo come risultati:

  1. accrescere e favorire la fertilità della terra
  2. produrre piante sane, che abbiano sviluppato al massimo le loro qualità tipiche
  3. produrre alimenti che rafforzino il metabolismo umano per uno sviluppo sano ed armonico

I prodotti derivati da produzioni biodinamiche, si contraddistinguono, oltre ad essere prodotti in modo totalmente organico/biologico, per essere stati prodotti in una terra particolarmente ricca, sia da un punto di vista chimico fisico, che energetico spirituale, e in un sistema produttivo in equilibrio con le forze della natura.

Un modello di produzione, a nostro giudizio, probabilmente più equo e sostenibile, per la natura, l’uomo e la società, e un prodotto di qualità superiore.

L’approccio biodinamico all’agricoltura prevede la diversificazione e rotazione delle culture, conoscenza della terra e delle migliori associazioni fra le piante, una attenta osservazione dei moti dei pianeti per scandire i calendari di lavoro, una particolare attenzione alla fertilità e vitalità del terreno e quindi lo arricchimento attraverso il compost (terriccio ricco di humus) e dei preparati biodinamici:

  • Preparato 500 o cornoletame: stimola e armonizza i processi di formazione dello humus
  • Preparato 501 o cornosilice: attraverso questo preparato vengono concentrate e potenziate le forze luminose proprie del silice. Tale concentrazione ha un effetto notevole sulle piante. Potremmo dire che le avvolge di luce e quindi stimola tutto quello che la luce provoca nella fisiologia vegetale e quindi in modi diversi a seconda della fase fenologica della pianta.

500 Preparato

501 Corno Silice 

 

500 Preparato: cornoletame con la aggiunta dei preparati da cumulo 502/507.Materia prima messa a punto da Alex Podolinsky in Australia, sperimentato ormai da oltre 50 anni

Contenitore in rame da 100 litri destinato alla attività di dinamizzazione

Attività di dinamizzazione

Irrorazione del 500 preparato con pompa a spalla

Irrorazione del 500 preparato con pompa a spalla

Irrorazione del 500 preparato con pompa a spalla

Per fare un buon alimento, una buona tisana o un buon olio extra vergine di oliva non basta che la pianta sia cresciuta in modo sano, ma occorre capire anche nel profondo i suoi ritmi vitali e come essa sia capace di mantenere dentro di sé la vita. Attraverso la coltivazione biodinamica si cerca di mantenere il più possibile la energia vitale perché solo un prodotto vivo è capace di portare vita ad un altro essere vivente.

Ecco i due principi fondamentali di Rudolf Steiner:

  1. La qualità degli alimenti dipende dalla fertilità e dalla sanità della terra che si coltiva;
  2. Se si concima la terra con nitrati ed altre sostanze di sintesi, la terra perde la sua fertilità e si ammala.
DESCRIZIONE DEL PROFILO
Comune: Vasto
Località: Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo
Coordinate: 42 1 07 99 N - 14 39 15 57 E
Quota (m.s.l.m.): 26mt
Pendenza: 5 - 10,0%
Uso del suolo: Oliveti
Drenaggio interno: Moderatamente ben drenato
Forma del paesaggio: Terrazzo alluvionale olocenico
Rocciosità: Assente
Fisiografia: Terrazzo marino
Substrato: Deposito marino di argilla (<0.002mm) e sabbia m. grossa, media e fine (2-0.1mm)
Class. USDA: Chromic Haploxerert fine, misto, termico
Class. WRB: Hapli Vertisols
Note: In Bssk: noduli di FeMn in m isura del 1% e dimensioni di 1 mm;
In Bk: quantità del 3% e dimensioni di 2 mm.

 

Gli olivi si trovano su un terrazzo marino vista mare Adriatico e respirano le brezze marine che proteggono naturalmente le olive dagli attacchi della mosca. Questo clima evita sbalzi termici, una ventilazione ottimale e consente un buon raccolto sia qualitativo che quantitativo ogni anno. La favorevole esposizione climatica premette durante la estate di beneficiare di un clima secco ed asciutto, mentre lo autunno è contraddistinto da forti escursioni termiche fra il giorno e la notte. Grazie a queste favorevoli condizioni climatiche ed ambientali si possono produrre oli di grande qualità e struttura.

La particolare attenzione ed il rispetto per il territorio fa si che tutte le nostre produzioni siano certificate Biodinamiche, Biologiche e Vagane.


CARATTERISTICHE DEL SUOLO

Il suolo presenta una grande uniformità tessiturale lungo il profilo e colori scuri e simili fino a 120-160cm di profondità. Questi caratteri sono legati al dinamismo strutturale, determinato dalla presenza di argilla e reticolo espandibile, che si manifesta con la formazione di fessure, larghe alcuni cm e profonde anche 50-60cm, in alcuni periodi dello anno. Sono suoli da profondi a molto profondi, generalmente privi di pietrosità e di scheletro, con buona porosità interconnessa fino a 120-160cm di profondità. Il buon contenuto in carbonio organico garantisce una buona fertilità. La capacità di scambio cationico è buona.

 

DESCRIZIONE DEGLI ORIZZONTI
Ap 0-40cm

Colore matrice bruno grigiastro scuro (10YR4/2); umido; estremamente resistente; adesivo; plastico; struttura poliedrica subangolare media, moderatamente sviluppata; struttura secondaria poliedrica subangolare grande, moderatamente sviluppata; pori molto fini (<0.5mm) comuni (0.5-2%); fessure molto larghe (>10mm) scarse <10 (n/dmq); radici molto fini (<1mm) poche (1-10); effervescenza notevole; limite abrupto lineare

Bss 40-70cm

Colore matrice bruno grigiastro scuro (10YR4/2); umido; molto resistente; adesivo; plastico; struttura poliedrica subangolare grande, fortemente sviluppata; struttura secondaria prismatica grande, moderatamente sviluppata; pori molto fini (<0.5mm) molto scarsi (<0.1%) e grandi (2-5mm) molto scarsi (<0.1%); fessure molto larghe (>10mm) scarse <10 (n/dmq); concrezioni di carbonato di calcio molto piccole (3-5mm) comuni ( 2-20%) e noduli ferro-manganesiferi estremamente piccole (<2mm) poche (<2%); pellicole di argilla scarse (<10%) sulle facce degli aggregati; facce di pressione comuni (11-50%); radici molto fini (<1mm) poche (1-10); attività biologica comune da anellidi; effervescenza violenta; limite chiaro lineare.

Bssk 70-120cm

Colore matrice da bruno a bruno scuro (10YR4/3); umido; friabile; adesivo; plastico; struttura poliedrica subangolare media; moderatamente sviluppata; struttura secondaria poliedrica subangolare grande, moderatamente sviluppata; pori molto fini (<0.5mm) molto scarsi (<0.1%) e grandi (2-5mm) molto scarsi (<0.1%); fessure larghe (6-10mm) scarse <10 (n/dmq); conc. soff. di carbonato di calcio piccole (6-20mm) comuni (2-20%) e concrezioni di carbonato di calcio piccole (6-20mm) comuni (2-20%); pellicole di argilla scarse (<10%) sulle facce degli aggregati; facce di pressione scarse (<10%); radici molto fini (<1mm) poche (1-10); effervescenza violenta; limite chiaro lineare.

Bk 120-160cm

Colore matrice da bruno a bruno scuro (10YR4/3); umido; resistente; adesivo; plastico; struttura poliedrica subangolare media, moderatamente sviluppata; pori molto fini (<0.5mm) comuni (0.5-2%); conc. soff. di carbonato di calcio molto piccole (3-5mm) comuni (2-20%) e concrezioni di carbonato di calcio molto piccole (3-5mm) comuni (2-20%); pellicole di argilla scarse (<10%) sulle facce degli aggregati; effervescenza violenta lineare.